I nostri Progetti

Il progetto dei Mercati della Terra di Slow Food è nato nel 2004, con questi obiettivi:

  • rendere fruibili i prodotti a filiera corta, di prossimità, stagionali, realizzati nel rispetto dell’ambiente e dei diritti dei lavoratori;
  • creare sbocchi di mercato per i produttori di piccola scala, normalmente esclusi dai canali commerciali convenzionali;
  • favorire l’incontro tra i produttori e consumatori;
  • rappresentare luoghi di scambio di conoscenze, di trasmissione dei saperi, di educazione del gusto e alla corretta alimentazione, di formazione di cittadini consapevoli. Luoghi dove sviluppare senso di comunità.

Oggi i Mercati della Terra sono presenti in oltre 24 Paesi e sono espressione dei luoghi e delle persone provenienti dalle culture più varie. Hanno forme diverse (dal grande mercato cittadino al piccolo mercato rionale, dalle forme stanziali a quelle itineranti) ma seguono visione comune, descritta nelle Linee guida internazionali del progetto.

I produttori e gli artigiani che partecipano al Mercato della Terra rispettano i Criteri di selezione che Slow Food utilizza per gli espositori dei suoi principali eventi (Terra Madre Salone del GustoCheese e Slow Fish).

Aderire alla rete dei Mercati della Terra significa impegnarsi a sviluppare e agevolare i progetti di Slow Food per la tutela della biodiversità, a condividere le principali iniziative di raccolta fondi per sostenere i progetti dell’associazione (Orti in AfricaPresìdi Slow FoodArca del Gusto ecc.), a divulgare le campagne di Slow Food.

30 anni di progetti per un cibo buono, pulito e giusto

filiera del Torrone storico

L'obiettivo è rilanciare una filiera che produca cibo su piccola scala e in modo artigianale, secondo criteri ispirati ai princìpi del “buono, pulito e giusto”, creando anche i presupposti che possa nascere una rete di economia locale, sostenuta anche eventualmente dalle Istituzioni.

Il solco da percorrere per arrivare a tutto ciò, sarebbe quello di creare una Comunità.

erg - european region of gastronomy

E' un progetto internazionale per la valorizzazione dei migliori territori della gastronomia nel continente, grazie all’azione di un istituto di coordinamento indipendente – IGCAT, International Institute of Gastronomy, Culture, Arts and Tourism – e delle sue nove regioni fondatrici.

distretto agricolo solidale cremonese